Immobili da tutelare nella crisi d’impresa

Intervista a Gianfranco Benvenuto

La crisi d’impresa è un’eventualità che qualsiasi azienda deve mettere in conto con l’obiettivo di minimizzare i rischi, nel caso in cui l’evento negativo dovesse verificarsi. Ne abbiamo parlato con l’avvocato Gianfranco Benvenuto dello Studio Benvenuto.

Lei è un grande esperto di crisi d’impresa e procedure esecutive. Cosa accade quando si verifica un episodio di questo tipo e in ballo c’è un patrimonio immobiliare?

“Bisogna distinguere se si tratta di un patrimonio in leasing o di proprietà dell’imprenditore, considerato che nel secondo caso lo stesso viene liquidato dal curatore. Quanto al leasing, il curatore ha tre scelte: subentrare nel contratto pagando i canoni fino al termine; avviare esercizio provvisorio se l’immobile è sede dell’azienda; infine scioglimento del rapporto”.

Con quali conseguenze?

“Si pongono due possibilità a seconda che il rapporto non fosse già precedentemente risolto dal debitore o che la questione fosse già risolta. Nel primo caso deve consegnare l’immobile al concedente. Se invece il rapporto entra nel fallimento dopo aver già subito la risoluzione, la Giurisprudenza abbina il caso del leasing all’art. 1.526 stabilendo che l’utilizzatore si riprende i suoi canoni e il concedente l’immobile”.

Proviamo a metterci nei panni della società di leasing. Quali diritti ha in caso di fallimento?

“Innanzitutto ha un credito per tutti quei canoni che sono già scaduti prima della dichiarazione di fallimento. Poi dovrà insinuare nel passivo del fallimento quei crediti che ancora dovessero avanzare al netto della vendita del bene”.

Leggi l’intervista completa sulla rivista Review.

Gianfranco Benvenuto
Avvocato civilista nel foro milanese dal 1988, dal 1990 collaboro con la sezione fallimentare del Tribunale di Milano: come avvocato, curatore di fallimenti e commissario giudiziale nei concordati. Dal 2002 lavoro per la Procura di Milano come perito fallimentare, e dal 2006 sono delegato alle vendite giudiziarie. Sono iscritto all’albo dei patrocinanti in cassazione dal 2008.
di Gianfranco Benvenuto / Lascia un commento /

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

However the greatest problem had been however in the future, also it had been driven with replica watches. With the 60s as well as 1970's, businesses such as Bulova as well as fake watches started improvement of the digital view. As soon as Seiko obtained blowing wind of the brand new technologies, these tag heuer replica uk required the idea as well as went by using it, leading to what's right now referred to as the actual 'quartz crisis'. Through the late-seventies, quartz rolex replica sale had been becoming manufactured in this kind of amounts which their own price plummeted, producing mechanised wrist watches very costly in comparison. Most of the conventional rolex replica a number of who have been generating swiss replica watches for hundreds of years, disappeared, swept below through the enormous promoting energy from the quartz view. With regard to Rolex, there is just one point for this, which had been to create the actual Oysterquartz.