Lo strumento stragiudiziale della crisi d’impresa: cosa è emerso dal convegno Ascri

Da parte di tutti è emerso un orientamento favorevole all'utilizzo di questo strumento più flessibile che permette un dialogo diretto tra i player della crisi (debitore, banche e fornitori) al fine di giungere alla comprensione circa le concrete possibilità di ripresa

Nel meraviglioso contesto del Grand Hotel Dino di Baveno, sabato 8 ottobre 2016 si è tenuto il convegno ASCRI sul tema della soluzione stragiudiziale della crisi d’impresa.

Il convegno, seguito da oltre 350 partecipanti, è stato diretto da Ferruccio de Bortoli e ha visto la partecipazione sul palco di autorevoli discussants: imprenditori, avvocati, commercialisti, dirigenti di banca del settore restructuring e magistrati che hanno incrociato le loro relative esperienze e dato il rispettivo contributo volto a comprendere la validità dello strumento stragiudiziale nella crisi d’impresa.

img_1070-copia

Da parte di tutti è emerso un orientamento favorevole all’utilizzo di questo strumento più flessibile che permette un dialogo diretto tra i player della crisi (debitore, banche e fornitori) al fine di giungere alla comprensione circa le concrete possibilità di ripresa, le indispensabili necessità di finanziamento e i probabili termini del soddisfacimento conseguibili.

Punti ineliminabili di un percorso stragiudiziale sono stati considerati la prevenzione che deve essere promossa prevalentemente dai professionisti che seguono quotidianamente l’azienda, la concreta esistenza di un mercato nel quale l’azienda opera e di una indispensabile condotta di trasparenza e collaborazione che deve animare gli interlocutori ed in primis il debitore.

Il convegno si è chiuso con il proposito di approntare  corsi di aggiornamento e di formazione orientati ai professionisti e agli operatori di banca, allo scopo di diffondere le best practice nell’approccio alla soluzione della crisi d’impresa e aiutare a diffondere la cultura dell’impresa e i valori del salvataggio dei posti di lavoro con l’aiuto di tutti interlocutori della crisi.

Gianfranco Benvenuto
Avvocato civilista nel foro milanese dal 1988, dal 1990 collaboro con la sezione fallimentare del Tribunale di Milano: come avvocato, curatore di fallimenti e commissario giudiziale nei concordati. Dal 2002 lavoro per la Procura di Milano come perito fallimentare, e dal 2006 sono delegato alle vendite giudiziarie. Sono iscritto all’albo dei patrocinanti in cassazione dal 2008.
di Gianfranco Benvenuto / Lascia un commento /

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

However the greatest problem had been however in the future, also it had been driven with replica watches. With the 60s as well as 1970's, businesses such as Bulova as well as fake watches started improvement of the digital view. As soon as Seiko obtained blowing wind of the brand new technologies, these tag heuer replica uk required the idea as well as went by using it, leading to what's right now referred to as the actual 'quartz crisis'. Through the late-seventies, quartz rolex replica sale had been becoming manufactured in this kind of amounts which their own price plummeted, producing mechanised wrist watches very costly in comparison. Most of the conventional rolex replica a number of who have been generating swiss replica watches for hundreds of years, disappeared, swept below through the enormous promoting energy from the quartz view. With regard to Rolex, there is just one point for this, which had been to create the actual Oysterquartz.