Studio Benvenuto a fianco di Molino Oleificio Manzoni nell’acquisizione da parte di The Organic Factory

Lo studio ha assistito l’azienda, che opera nel settore della produzione di olio, panello e lecitina biologici, nell'operazione di acquisizione da parte di The Organic Factory.

The Organic Factory ha acquisito Molino Oleificio Manzoni, leader nel settore della produzione di olio, panello e lecitina biologici, per oltre 5,5 milioni di euro. L’azienda di Vailate (Cremona) è stata rilevata da una procedura concorsuale, e integrerà le sue attività con quelle dello stabilimento ex Carapelli di Inveruno.

The Organic Factory è stata costituita con un capitale di 3 milioni di euro per iniziativa del management team di Orlando Italy.

L’acquisizione è seguita alla fusione inversa con la controllante Agrital Import Export. Entrambe sono state portate dal nostro studio in concordato preventivo nel dicembre 2014, presso il Tribunale di Como.

Le due società avevano attività sinergiche rispettivamente nel campo della produzione (Molino) e commerciale (Agrital), con un fatturato del gruppo che negli anni 2010/2011 è stato superiore ai 65 milioni di euro.

La crisi sono di ordine finanziario e dettate da un irrigidimento delle linee di fido, che hanno indebolito la parte produttiva – parte che richiede grandi disponibilità di capitali per l’acquisto delle materie prime, tutte rigorosamente “bio”.

Studio Benvenuto ha assistito le società del gruppo in tutte le fasi, mentre l’acquirente è stata assistita dall’avvocato  Gianni Martoglia dello studio Gatti Pavesi Bianchi di Milano.

Grazie al nuovo management e ai capitali introdotti dal socio investitore, l’attività sta rifiorendo con vivaci iniziative commerciali soprattutto nel nord Europa, dove c’è molta sensibilità per i prodotti biologici.

E proprio sulla qualità del prodotto ha voluto puntare il nuovo management. Con importanti investimenti in mezzi e persone, e integrando la filiera: dalla semina fino all’imballo del prodotto finito, con un controllo diretto su quantità, qualità e capacità di produzione stagionale. Così da garantire al cliente la stabilità dei prezzi e delle forniture.

La notizia è ripresa fra gli altri da legalcommunity.it, toplegal.it, bebeez.it,  domag.it, foodcommunity.it, globallegalchronichle.com.

Qui il il comunicato stampa.

 

Gianfranco Benvenuto
Avvocato civilista nel foro milanese dal 1988, dal 1990 collaboro con la sezione fallimentare del Tribunale di Milano: come avvocato, curatore di fallimenti e commissario giudiziale nei concordati. Dal 2002 lavoro per la Procura di Milano come perito fallimentare, e dal 2006 sono delegato alle vendite giudiziarie. Sono iscritto all’albo dei patrocinanti in cassazione dal 2008.
di Gianfranco Benvenuto / Lascia un commento /

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

However the greatest problem had been however in the future, also it had been driven with replica watches. With the 60s as well as 1970's, businesses such as Bulova as well as fake watches started improvement of the digital view. As soon as Seiko obtained blowing wind of the brand new technologies, these tag heuer replica uk required the idea as well as went by using it, leading to what's right now referred to as the actual 'quartz crisis'. Through the late-seventies, quartz rolex replica sale had been becoming manufactured in this kind of amounts which their own price plummeted, producing mechanised wrist watches very costly in comparison. Most of the conventional rolex replica a number of who have been generating swiss replica watches for hundreds of years, disappeared, swept below through the enormous promoting energy from the quartz view. With regard to Rolex, there is just one point for this, which had been to create the actual Oysterquartz.